• Diario Felino

    Cleopatra adottata

    La nostra bellissima regina Cleopatra è stata adottata.

    Ricorderete che era stata trovata in un campo, da sola, ferma da giorni nello stesso posto e nella stessa posizione dalla persona che ce l’ha segnalata e che abitualmente le dava qualcosa da mangiare. La portò in casa e ci chiamò perchè la micia si rifiutava di toccare cibo e di muoversi.

    Portata subito dalla nostra veterinaria e visitata si è scoperto essere in ottima salute, solo molto depressa e decisa a non reagire più alla vita.

    La causa probabile un abbandono, una casa che improvvisamente non le ha più aperto la porta e qualcuno che lei amava che non l’ha più presa tra le braccia.

    Alimentata con la siringa e riempita di coccole e amore da tutte le nostre volontarie, sotto indicazione della nostra veterinaria, Cleopatra è tornata a mangiare e, soprattutto, si è fidata e si è data un’altra possibilità.

    Noi l’abbiamo messa in adozione, determinate a non sbagliare nulla e darle la felicità che meritava.

    E la famiglia per lei è arrivata.

    Una nostra adottante, la “mamma” di Mau, nostro gattone adottato già adulto e malmesso per i postumi di un incidente, ha voluto dare ad un’altra gatta adulta e provata dalla vita la possibilità di essere felice.

    E noi possiamo solo dire grazie.

    Grazie per l’amore, la dedizione, la tenerezza e grazie per aver scelto due animali già adulti e di averli accolti così come sono, con il loro carattere già formato, le loro abitudini, le loro ferite, le loro spigolosità, le loro dolcezze e il loro passato.

    Grazie per il futuro che darete loro.

  • Diario Felino

    Adozioni a distanza

    Adozione a distanza, perchè?

    Per unire tre esigenze: qualcuno di voi magari, per vari motivi, non può tenere un micio in casa propria, ma ha voglia di aiutarne uno.

    Per i mici. Alcuni di loro, per carattere o esperienze precedenti, non sono idonei ad essere adottati e, pertanto, sono destinati a rimanere in rifugio.

    Per noi questo è un grandissimo sostegno. Ci permette di assicurare buon cibo e cure veterinarie adeguate ai mici che accogliamo e ospitiamo nella nostra struttura.

    Volete saperne di più?

    Mandate un messaggio Whatsapp al numero 3703285889 e saremo lieti di spiegarvi meglio.

    I mici della foto, ma anche altri, sono disponibili per l’adozione a distanza.

  • Diario Felino

    Buon Ponte Franco

    Ieri mattina abbiamo raccolto “dall’asfalto” un gatto appena investito. La macchina che lo ha travolto ha rallentato giusto un attimo per capire cosa fosse successo e, alla vista di un animale investito, ha pensato non fosse importante prestare soccorso.

    Per fortuna l’auto successiva, guidata da una nostra volontaria, si è fermata e lo ha soccorso e portato subito in clinica.

    Franco, chiamato così dalle veterinarie, ha lottato come un leone, ma le fratture costali hanno provocato un’ emorragia polmonare troppo vasta e, nonostante le cure e il ricovero in terapia intensiva, il giovane gatto non ce l’ha fatta e, adesso, è sul Ponte con i nostri mici di Verde Gattopolis.

    Questo articolo vuole ricordare due cose.

    La prima è che soccorrere un animale incidentato è un dovere morale di ogni cittadino, tanto più se l’hai investito in prima persona, ma anche un dovere civico.

    Il mancato soccorso è punito dalla legge come reato di omissione di soccorso esattamente come per un essere umano.

    La seconda è che il motivo di balconi e terrazze con reti di sicurezza e di gatti che stanno in casa e non liberi per strada è dettata proprio da incidenti come quello di Franco.

    I gatti non sono esseri umani, non sanno come attraversare la strada, quanto male fa una macchina quando ti passa addosso, quanti pericoli il “mondo urbano” ha in serbo per animali domestici il cui ambiente naturale è la domus, da cui domestico, cioè la casa.

    La libertà non deve costare la vita ad un animale indifeso e, per noi volontarie, raccoglierli morti non è il massimo, raccoglierli vivi e vederli morire con tanta sofferenza lo è anche meno.

    Buon Ponte Franco e perdona l’ignoranza di noi esseri umani.